venerdì 20 settembre 2013

Cucina Lodigiana: Cappellacci Lodigiani per l'Italia nel piatto

Buongiorno cari amici, dopo la pausa estiva L'Italia nel piatto torna con un italianissimo argomento

LA PASTA FRESCA

Ma prima di presentarvi la mia proposta voglio annunciarvi un lieto evento.
Il 25 Agosto, noi dell'Italia nel piatto, siamo diventati tutte/i zie/i della bellissima Sofia!!!
Ancora tanti auguri a mamma Nadina, al papà e un abbraccio alla piccola.

Voglio anche salutare Tina
grazie per essere stata con noi in questa avventura con tutte le tue favolose ricette campane.

Un caloroso benvenuto a Pasquale 
nuovo compagno di viaggio al quale Tina passa il testimone.

Ed ora è arrivato il momento di presentarvi la mia proposta 


Per fare questi Cappellacci la ricotta più adatta è, naturalmente, la Ricotta Lodigiana.
Una ricotta molto morbida e cremosa che a prima vista può essere confusa con il mascarpone.
Nell'impossibilità di reperire questa ricotta vi consiglio di mescolare della ricotta vaccina fresca, non troppo asciutta con del mascarpone.

Ingredienti per 4 persone
per la pasta

200 gr di farina di grano duro più un po' per la spianatoia
1 uovo grande
acqua tiepida q.b.
sale

per il ripieno

250 gr di Ricotta Lodigiana (oppure 200 gr di ricotta e 50 gr di mascarpone)
70 gr di Grana Lodigiano grattugiato 
1 uovo grande
sale
pepe
noce moscata (quasi una noce intera)

per condire

burro di ottima qualità
foglie di erba salvia
80 gr di Grana Lodigiano grattugiato

Preparazione

Per la pasta setacciare la farina nel vaso della planetaria, aggiungere l'uovo, un pizzico di sale e mescolare con la frusta a foglia, aggiungere l'acqua sufficiente ad ottenere un composto omogeneo.


Coprire la pasta con la pellicola e lasciarla riposare almeno per mezzora.
Mentre la pasta riposa preparare il ripieno, versare in una ciotola la ricotta lodigiana (oppure la ricotta e il mascarpone) con il formaggio Grana, il sale, il pepe, la noce moscata, l'uovo e mescolare bene.



Riprendere la pasta e tirare la sfoglia abbastanza sottile, con il mattarello se siete brave,
oppure come ho fatto io con la nonna papera.
Con l'aiuto di un coppa pasta formare dei quadrati di minimo 5 centimetri per lato, fino ad un massimo di 10 centimetri, i miei sono di 9 centimetri.


Spennellare tutti i 4 lati con poca acqua, porre al centro un cucchiaino di ripieno,
chiudere a triangolo facendo ben aderire i bordi.




Continuare fino alla fine di tutto il ripieno, con queste dosi io ho ottenuto 40 Cappellacci.




Cuocere i Cappellacci in acqua salata in leggero bollore per 8/10 minuti, mescolando delicatamente.
In una padella far fondere il burro con le foglie di erba salvia.
Scolare i Cappellacci con un mestolo forato (schiumarola) direttamente nella padella con il burro.
Smuovere la padella per condire bene i Cappellacci senza rischiare di romperli, servirli con un'abbondante spolverata di Grana Lodigiano grattugiato.




Con il pezzetto di pasta avanzata mi sono divertita a fare queste foglie che userò per una minestra,
carine vero?



Ed ora seguitemi, facciamo un giro negli altri blog dell'Italia nel piatto,
faremo sicuramente una scorpacciata di ottimi piatti di pasta!!!




Come sempre questa rubrica tornerà il 20 del mese prossimo alle ore 10
Continuate a seguirci anche sulla nostra pagina Facebook dove trovate le regole
per partecipare al nostro gioco.
Mi auguro che anche questa volta sarete in tanti, noi vi aspettiamo :-D

31 commenti:

  1. nn li ho mai fatti, questo formato intendo, bello anke da vedere ^.^

    RispondiElimina
  2. Quanto mi mancava questa rubrica, amica! Che belli i tuoi cappellacci!! Complimenti di cuore, sono perfetti e invitantissimi! <3

    RispondiElimina
  3. iiiiiiiiiiiiihhhhhhhhhhhhh (con risucchio e svenimento!)!!
    Carla o Carla mia non puoi farmi vedere certe cose senza poi farmele mangiare!
    Accidentaccio quest'appuntamento è troppo goloso per me! Sai che all'inizio credevo che avresti fatto i pizzoccheri? Se non sbaglio sono tipici della lombardia anche ma questi mi sembrano anche più buoni!!
    E le foglioline sono adorabili!!
    <3 <3
    bravissima amica mia!!! un bacione

    RispondiElimina
  4. Molto molto interessanti i tuoi cappellacci, che bellezza vederli adagiati sulla tavola di lavoro ad asciugare...e vogliamo parlare di queste spettacolari foglioline???

    RispondiElimina
  5. Che splendore e che meraviglia Carla!!! Complimentissimi :-) Ottima ricetta e presentazione, un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Bravissima Carla!!!!! Sono favolosi!!!!!:) un bacione!

    RispondiElimina
  7. Ti faccio tanti auguri per la nipotina e tanti complimenti per questi deliziosi cappellacci!

    RispondiElimina
  8. Ciao Carla grazie mille,adoro i cappellacci e adesso grazie alla tua ricetta li proverò hihihihiihi..complimenti!Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  9. ok! ma lo sapete che sono a dieta? mamma mia io adoro i ravioli i cappellacci tutto!mai provati con il mascarpone e ricotta ora li devo provare! solo fra un paio di mesi che mi sono rimessa a dieta uff!

    RispondiElimina
  10. Ti ringrazio del benvenuto in questa bellissima rubrica.Bellissimi questi cappellacci con ripieno di ricotta, conditi in modo semplice ma gustoso.
    In cucina l'arma vincente e' la semplicità e l'eleganza, connubio che in questo piatto non manca.
    Grazie e a presto

    RispondiElimina
  11. bellissima proposta sister, mi piace moltissimo il ripieno che ahimè dovrò adattare ma come vengo a trovarti di sicuro ti obbligherò ad accompagnarmi nei negozi di prelibatezze locali che voglio fare una bella scorta. Un bacione

    RispondiElimina
  12. Carla, che dire di questa ricetta se non che è una vera scoperta'
    Non conoscevo la ricotta lodigiana e sarei curiosa di provarla, intanto mi godo le bellissime foto e aspetto anche di vedere come hai preparato quelle foglioline!!

    RispondiElimina
  13. non conoscevo la ricotta lodigiano, ma sono sicura che mi piacerebbe molto, cappellacci gustosi e delicatissimi, molto belle anche le foglie, sai che non avevo mai pensato di tagliare la pasta per le minestre con stampini, mi piace ti rubo l'idea, un bacione

    RispondiElimina
  14. Ma fammi capire, Carly...la ricotta lodigiana è un tipo tutto particolare di ricotta?????no, dico...dovrei aggiungere mascarpone per ricrearla??? Lo sai, vero che sono mascarpone addicted anche se non potrei mangiarlo?????!!!! Basta, non resisto piu..LODI, ARRIVOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO^_^ Temo avrete già sbafato tutto ...beh mi accontento delle foglioni che sono molto graziose^_^ Mi sento molto Venere di Botticelli :DDDDD

    RispondiElimina
  15. Ero certa di trovare la perfezione in tavola a casa tua! E che gli vuoi dire a sti cappellacci??? Che me li sono mangiati con gli occhi... e purtroppo solo con loro!

    RispondiElimina
  16. belli ma chi sa che buoni brava complimenti buon fine settimana lili

    RispondiElimina
  17. sono d'una delicatezza unica, vero? e li hai descritti in maniera egregia...come li hai preparati dopo tutto! bravissima! e quelle foglioline dove le lasciamo? Voglio anch'io quello stampino!!!!! un bacione e complimenti!

    RispondiElimina
  18. mi chino a tanta bellezza e sicuramente bonta'

    RispondiElimina
  19. Ciao Carla, eccoti di nuovo sul blog e con che piatto, una vera bellezza. Per il buono, ci credo a occhi chiusi. Come state, passata bene l'estate, penso di sì a leggere sul blog. Mamma sta meglio? Ti abbraccio, a presto

    RispondiElimina
  20. Non conoscevo la ricotta lodigiana, da come la descrivi (cremosa come il mascarpone) deve essere davvero buonissima.
    Questi cappellacci sono semplici da preparare, ma di un buono che verrebbe voglia di mettersi a tavola anche a quest'ora!

    RispondiElimina
  21. Non li conoscevo... altro piatto che dovrò sperimentare, le paste fresche sono la mia passione!!!

    RispondiElimina
  22. Bella presentazione e sicuramente buonissimi...e bellissime le foglie di pasta complimenti sei molto brava!!!

    RispondiElimina
  23. hanno un aspetto delizioso, non ho dubbi sul sapore ! Un bacione....

    RispondiElimina
  24. I tuoi cappellacci sono goduriosi con quel ripieno abbondante come piace a me :D! E le foglioline per la minestra sono simpaticissime.
    Mi hai anche dato un’ottimo suggerimento, non ci avevo mai pensato a tagliare la sfoglia con il coppapasta quadrato. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  25. siamo così vicine e non ci siamo ancora incontrate.. ma quando ci vediamo Carla???

    RispondiElimina
  26. Ho sempre amato questa rubrica, mi piace il viaggio virtuale attraverso i sapori. E adoro i tuoi cappellacci! Un bacio

    RispondiElimina
  27. Auguri agli zii e alle zie nonchè ai genitori della piccola e complimenti a te per questo piatto favoloso!

    RispondiElimina
  28. A me questa rubrica piace l'ho sempre detto, ma per questo appuntamento vi siete superati. I piatti sono squisiti, i tuoi cappellacci ne sono un esempio. Tantissimi auguri per la nascita della piccola Sofia!!! Buona serata.

    RispondiElimina
  29. Adoro la pasta fresca e i tuoi cappellacci sono favolosi! Buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  30. Ottima ed originale ricetta. Dai tuoi consigli c'è sempre da imparare qualcosa di nuovo

    RispondiElimina

Se passate di qui e volete lasciare un commento,
mi farete cosa mooooolto gradita!!!