sabato 19 marzo 2016

Cucina Lombarda: Resta Pasquale di Como

Oggi, prima di proporvi la mia ricetta per la rubrica Cucina e territorio di casa nostra
voglio fare gli auguri a tutti i Giuseppe e a tutte le Giuseppina che passeranno di qui,
e naturalmente a tutti i Papà compreso il mio.

Essendo ormai prossima la Santa Pasqua il tema di questo mese è

Pasqua, ricette della tradizione

Come ho detto più volte, il dolce tradizionale Lodigiano per Pasqua
è l'agnellino di pasta sfoglia che ho già proposto e che potete vedere qui.
Un altro dolce tipico Lombardo è sicuramente la colomba, ma dato che
di colombe se ne trovano moltissime sul web, la mia scelta è caduta su di un 
dolce antico e poco noto

La Resta di Como



Questo dolce della tradizione comasca viene preparato per la celebrazione
della Domenica delle Palme.
La Resta è legata a due gesti simbolici,
l'inserimento prima della cottura di un ramoscello d'ulivo nell'impasto e
l'incisione a spiga, lisca o resca (dalla quale prende il nome)
entrambi associati nelle culture tradizionali alla rinascita primaverile.



Ingredienti

15 g di lievito di birra (io 30 g di lievito madre secco attivo con germe di grano)
300 g di farina 00 di frumento più altra per la spianatoia 
100 g di zucchero semolato
150 g di burro
1 cucchiaino di miele (io miele di arancio)
3 uova
la scorza di un limone biologico
100 g di uvetta sultanina
100 g di canditi (arancia, cedro e ciliegie)
1 pizzico di sale
1 rametto di ulivo


Preparazione
Prima lievitazione

In una ciotola sciogliere il lievito in poca acqua tiepida (circa 40 g),
unire 75 g di farina setacciata, mescolare bene, fare un panetto
e lasciar lievitare un'ora (io per due ore) coperto con un panno umido
o con pellicola trasparente alimentare.

Seconda lievitazione

In una ciotola grande (io nel vaso della planetaria) versare il lievitino ed unire,
nel seguente ordine, i restanti 225 g di farina, lo zucchero, il miele,
il burro sciolto a bagno maria, le uova una per volta aggiungendo la successiva
solo quando l'impasto ha ben assorbito quella precedente,
il pizzico di sale e la scorza grattugiata del limone. 
Se serve unire ancora un po' di farina (io 40 g circa).
far lievitare sempre coperto per un'ora (io 2 ore).

Lavare molto bene l'uvetta e poi lasciarla in ammollo in acqua fredda.

Terza lievitazione

Sulla spianatoia ben infarinata versare l'impasto, aggiungere l'uvetta strizzata ed i canditi.
Con l'aiuto di un tarocco formare un filone allungato.
Inserire per il lungo un ramoscello d'ulivo.
Lasciar lievitare ancora per un'ora (io per due ore e mezza).
Spolverizzare di farina e, con una lametta o un coltello ben affilato.
praticare dei tagli a forma di resca.




Cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per 45-60 minuti.
Io ho cotto nel forno elettrico riscaldato sopra e sotto per 45 minuti a metà altezza,
 e per altri 15 minuti abbassando la teglia al penultimo livello.



La nostra famiglia si è allargata do quindi il benvenuto a
Rita del blog Pane e Gianduia che già dal mese scorso pubblica con noi per la regione Sardegna, 
a Sonia del blog Status Mamma che partecipa per la regione Liguria e
a Katia del blog Giorno dopo giorno per la regione Marche
buon lavoro ragazze!

Ecco le nostre ricette tradizionali per Pasqua

Stefania - Friuli Venezia Giulia: Stefania è impegnata con il trasloco ma io vi consiglio la sua 
                                                    Pasqua Triestina
Artù - Piemonte: Miki è ancora in pausa ma io vi consiglio il suo Salame del Papa
Sonia - Liguria: Canestrelli pasquali liguri
Ilenia - Toscana: Capretto al forno
Katia - Marche: Crescia di Pasqua (salata) 
Silvia - Lazio:  Silvia è in partenza la ritroveremo il mese prossimo



Come sempre Vi aspettiamo anche sulla nostra pagina Facebook 
dove oltre alle nostre ricette potete trovare informazioni su sagre ed eventi
delle nostre regioni.

Nei prossimi giorni io sarò impegnata ad organizzare il menù di Pasqua 
per la mia Tribù, arrivano anche Maddalena Bart e Pietro da Amsterdam
quindi approfitto per fare gli auguri di una Serena Pasqua a tutti quelli che passeranno di qui


:-D

16 commenti:

  1. Grazie per il benvenuto, questo gruppo mi sta entusiasmando moltissimo! E la tua ricetta, amando i lievitati, mi piace veramente tantissimo.

    RispondiElimina
  2. ma che piacere leggerti Carla! e che goduria questo dolce che non conoscevo affatto, una vera meraviglia! confesso conosco molto poco la cucina locale vorrei assolutamente rimediare facendo qualche gita fuoriporta... bacioni

    RispondiElimina
  3. che bello che è e che bello conoscere tante tradizioni!

    RispondiElimina
  4. Quante belle ricette oggi e soprattutto quante belle ricette da scoprire e gustare. Brava Carrla

    RispondiElimina
  5. è un pò lunga la preparazione, ma il risultato sarà di sicuro meraviglioso. Complimenti per la bellissima ricetta. Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Bellissima questa torta pasquale non la conoscevo.
    Grazie di averla condivisa.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Fantastico questo pane dolce che somiglia tano al mio casatidllo ,buttato nel cestino,ci riprovo , mi piace provare anche il tuo,profumato e saporito,io in fitardo ma ci sono non so perché il post programmato mon è partito ,la sfiga mi perseguita,buona domenica e buona Pasqua

    RispondiElimina
  8. Bellissima preparazione, scenografica è sicuramente buonissima, complimenti.

    RispondiElimina
  9. fantastica,da provare sicuramente,grazie per la bella ricetta,un abbraccio,felice domenica e buona Pasqua

    RispondiElimina
  10. Che buono, davvero un buonissimo dolce! Non lo conosco ma dalle foto sembra proprio invitante! Complimenti, un abbraccio buona domenica! :-D

    RispondiElimina
  11. complimenti per averci regalato la ricetta di questo dolce della tradizione! un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  12. Non conoscevo questa ricetta, mi piacciono molto le ricette della tradizione.

    RispondiElimina
  13. Ma lo sai che mi ero dimenticata della resta di Como? Ora Pasqua è passata ma mi voglios egnare la ricetta per proporla il prossimo anno. Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Sai cosa mi piace del tuo blog? Che proponi spesso piatti tradizionali della tua regione e questo mi piace molto perché imparo a conoscere piatti nuovi e tipici di un luogo! Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Carla...incredibile vero???? passo a commentare e vedere una delle tue ricette....spero tu capisca!
    sempre top, foto molto belle, ma te lo avevo già detto!

    RispondiElimina

Se passate di qui e volete lasciare un commento,
mi farete cosa mooooolto gradita!!!