martedì 16 aprile 2013

I fiori di Artù

Contagiata da questa favolosa blogger, esperta di erbe spontanee  ma soprattutto amica, socia del MYCS Restaurant, nonché compagnia di viaggio nell'avventura dell'Italia nel piatto (vi ricordate vero che il giorno 20 vi aspettiamo per la quarta uscita di questo bellissimo appuntamento?), ebbe si anch'io ho fritto i fiori di tarassaco. Sapete tutti quali sono vero? Per chi non lo sapesse sono questi


La ricetta di Artù la trovate qui  vi consiglio di andare a fare un giro sul suo blog perché oltre a questa troverete altre ricette con erbe spontanee e non solo, ogni lunedì ad esempio ci sono ricette vegan, insomma tenetela d'occhio, vi sorprenderà sempre!!! Volete vedere anche i miei? Eccoli



Ho seguito tutti i passaggi indicati da Artù, e ho aggiunto anche qualche cubetto di ghiaccio nell'acqua di lavaggio


la mia pastella è leggermente diversa, per questi venti fiorellini, ho usato 4 cucchiai di farina di riso e l'ho diluiti con un po' di birra, la quantità non ve la so dare, fate ad occhio (ne troppo densa ne troppo liquida), la curcuma non l'avevo e il sale l'ho messo alla fine sui fiori già fritti in olio di arachidi.


Grazie Artù per la ricetta e grazie all'Assaggiatore Ufficiale perché mi ha portato a casa
questo bel mazzo di fiori......


.....tutto da mangiare!!!   :-D

13 commenti:

  1. Questa è una scoperta, una sfiziosa scoperta :) Non sapevo si potessero cucinare i fiori di tarassaco. Quelle frittelline devono essere proprio gustose. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  2. Posti, ma non ti vedo in giro, tutto bene? Intanto ti lascio un grande abbraccio a presto

    RispondiElimina
  3. Ma che bella proposta, voglio provare!!!!
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  4. Sono proprio tentata, mi piacerebbe provarli. Artù dà ottimi suggerimenti e tu fai bene a seguirli. Bravissime!!!!

    RispondiElimina
  5. mi sono commossa. che belle parole che hai usato per me....mi sento come una bambina che ha ricevuto un regalo bellissimo....questa ricetta l'ho nel cuore, la adoro e vederla replicata mi riempie di gioia....e voglio provare la pastella con la birra!!!!

    RispondiElimina
  6. mi incuriosisce tanto, vorrei sapere che sapore hanno i fiori di tarassaco fritti! Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Due persone e grandi amiche che adoro in un unico post!!!!Non potevo mancare nell'elogio di entrambe!!!Evviva la C e la M di mycs!!!! By Y :DDDD

    RispondiElimina
  8. che dire? sono una meraviglia questi fiori fritti! ammetto la mia ignoranza al riguardo ma mi incuriosisce molto questa cosa! ora andrò alla ricerca dei fiori di tarassaco :-D un abbraccio, Ros

    RispondiElimina
  9. La capacità di Artù di raccogliere e trasformare in piatti meravigliosi quello che la natura dona spontaneamente ....ha un che di magico che mi affascina
    Voglio provarli anch'io questi fiori
    Bravissima Carla!!!!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Passa sul mio blog, c'è un premio per te!
    Lo trovi qui: http://italiansdoeatbetter.blogspot.it/2013/04/confettura-di-fragole-homemade-e-premi.html
    :)

    RispondiElimina
  11. Mitica Artù... e brava tu!!! Complimenti! Io avrei detto che questi fiori erano crisantemi, pensa tu!! Invece tarassaco. Non si finisce mai di imparare bimbe!!!!!

    RispondiElimina
  12. wow carla! Artù ormai la seguo da un pò ed è bravissima... sono sempre affascinata delle sue ricette e dalla sua originalità ma vedo che anche la tua frittura è magica! ebbene non ero a conoscenza della possibilità di preparare questi fiori anche se in città la vedo proprio dura trovarli :( mi godo i tuoi! bravissima:*

    RispondiElimina
  13. Bravissima, assaggio da te perchè non raccolgo le erbe spontanee per paura di sbagliare!!!

    RispondiElimina

Se passate di qui e volete lasciare un commento,
mi farete cosa mooooolto gradita!!!