lunedì 21 gennaio 2013

Brisée allo Zafferano con Coste e Salsiccia e un indovinello

Oggi parto con un indovinello, qualcuno sa che cosa è questo?


Vi posso aiutare dicendovi che non è un bracciale, non è una ciambella ed è il regalo di Natale che ho ricevuto (leggermente in ritardo, a causa dei trasportatori) da parte dell'Assaggiatore Ufficiale.
Ma veniamo alla ricetta di oggi. Vi confesso che prima di aver fatto la mia prima pasta brisée (qui) ero convinta di preferire la pasta sfoglia (forse perché avevo provato solo la brisée già pronta?) ma ora ritengo che la consistenza della brisée, per molte torte salate, sia meglio, inoltre è facile e veloce da preparare e si può anche aromatizzare, come ho fatto qui e come ho fatto per questa ricetta


Ingredienti
per la pasta brisèe allo zafferano

200 gr di farina 00
100 gr di burro a temperatura ambiente
1 pizzico di sale
1 bustina di zafferano
33-35 gr di acqua

per il ripieno

1,100 Kg. di coste (detta anche bietola da costa o bieta) ancora da pulire
390-400 gr di salsiccia
2 spicchi d'aglio
1/2 bicchiere di vino bianco secco
50 gr circa di scamorza affumicata a fette
formaggio Grana grattugiato q.b.
olio extravergine d'oliva

Preparazione

In una ciotola, stemperare lo zafferano con 33 gr di acqua calda, ma non bollente.


Quando lo zafferano sarà ben stemperato mettere la ciotola in freezer; setacciare la farina nella ciotola della planetaria, aggiungere il burro a temperatura ambiente, tagliato a tocchetti, e il pizzico di sale, sabbiare con la frusta a foglia (K), aggiungere l'acqua ghiacciata con lo zafferano e continuare a mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo, se serve aggiungere altra acqua ghiacciata (a me sono bastati 33 gr).
Formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e far riposare in frigorifero per 30 minuti.


Mentre la pasta riposa, pulire le coste, eliminare la parte dura in fondo e le foglie rovinate, lavarle e lessarle per 10 minuti in acqua bollente salata. Versarle in una ciotola con acqua e ghiaccio per fermare la cottura e mantenere un bel colore verde.



In una padella scaldare pochissimo olio evo e far rosolare i due spicchi d'aglio sbucciati e schiacciati, spellare la salciccia, farla a tocchetti, metterla in padella e sgranarla con  una forchetta; quando sarà ben rosolata aggiungere le coste, scolate e tagliate grossolanamente, alzare la fiamma sfumare con il vino, appena sarà evaporato, abbassare e cuocere per 10-15 minuti, spegnere, salare, pepare e mescolare bene.




Riprendere la pasta brisée, dividerla, stenderla con il mattarello e con 2/3 foderare uno stampo a bordi alti del diametro di 18 cm (io una piccola pirofila) ricoperto di carta forno, bagnata e strizzata, bucherellare la pasta con i rebbi di una forchetta.


Spolverizzare il fondo con un cucchiaio di formaggio grattugiato, versare parte del composto di coste e salsiccia, un altro cucchiaio di formaggio, la scamorza affumicata a fettine, di nuovo il composto e terminare con abbondante formaggio grattugiato.




Stendere il resto della pasta e, con l'apposito attrezzo, formare la griglia; posizionarla sulla teglia e pareggiare il bordo togliendo la pasta in eccesso.


Cuocere in forno preriscaldato a 200° per 30-40 minuti (io forno elettrico con funzione statica riscaldato sopra e sotto).




Come antipasto io ho servito una fettina di torta accompagnata con dei funghi sott'olio e una fetta di speck, una fetta più grande può essere considerata piatto unico.


Con queste dosi mi sono avanzati, un pezzetto di pasta con la quale ho foderato 3 stampini da muffin ottenendo questi simpatici mini contenitori


e anche circa 200 gr del composto di coste e salsiccia, con il quale ho preparato un altro piatto che posterò a giorni, ma non domani, domani è il MYCS DAY, io e le mie socie vi aspettiamo, 
vi siete ricordati di prenotare il tavolo? :-D

23 commenti:

  1. Per l’oggetto misterioso brancolo totalmente nel buio. Ma ho le idee chiarissime sulla bontà della tua torta salata :D! Un bacio, buona settimana

    P.S: ma ce lo sveli l’arcano?

    RispondiElimina
  2. Carla caspita che torta saporita ma qui da te trovo sempre ricette ottime! Però mi spieghi come si usa l arnese per fare la griglia?! Io c'è l ho ma non riesco a usarlo!!! Mi viene tutta sbilenca!!!!
    Grazie e baci

    RispondiElimina
  3. che bella la griglia che hai fatto sulla torta salata, ho anche io quell'attrezzino ma mi dimentico sempre di usarlo!Per quanto riguarda l'indovinello sembrerebbe lo scheletro per comporre le ghirlande natalizie da appendere alla porta, fammi sapere, un bacione !

    RispondiElimina
  4. oh mamma mia e cos'è? Carla tu nn sai che uno dei miei più grandi difetti è proprio l'incapacità di attendere ajajjaja nn ho la più pallida idea di cosa sia!! aspettando la risposta mi godo questa crostata... l'attrezzo che hai usato per lo smerlo è una meraviglia! lo voglio!!!:D ripieno e brisè eccezionali:* complimenti! un abbraccio e buona settimana:*

    RispondiElimina
  5. mamma mia carletta che buona quella torta!!!!
    pensa che la prima volta che ho mangiato la pasta brisee e' stato quando me sono fatta da sola per fare la quiche lorraine tanti anni fa!
    ma porcaccia la miseria,a casa mia non piacciono le torte salate(che palle che fanno venire)e quindi non faccio di ste bonta'!
    non ho mica capito cos'e' veh?!sembrerebbe che si possa aprire..mah..aspetto la risposta!
    bacioni!

    RispondiElimina
  6. Adoro le torte salate e questa tua è davvero ottima! Devo provare a fare anch'io la pasta brisée con lo zafferano, ha sicuramente una marcia in più! Buona settimana!

    RispondiElimina
  7. Sono curiosa di sapere cos'è quell'arnese...sicuramente un qualcosa da utilizzar e in cucina...almeno credo! Un abbraccio e complimenti per la ricetta, una torta salata saporita e gustosa.

    RispondiElimina
  8. Certamente! Il tavolo chi se lo perde tesoro? :D LA tua torta salata è stupenda, anche la decorazione sulla superficie è perfetta! Congratulazioni.. e quell'aggeggino... oddio sai che mi incuriosisce tantissimo? Ci si arrotola sopra dell'impasto? Non saprei!!! Svelaci il segreto sono troppo curiosa :D

    RispondiElimina
  9. la tua orta salata è deliziosa eio non vedo l'ora di poter mangiare di nuovo tutto e di più per potermela gustare. Ma ora ci dici cos'è l'anello che ti ha regalato Sergio? un bacione

    RispondiElimina
  10. l'aggeggino per fare la griglia me lo devo comprare!

    RispondiElimina
  11. che goduria che hai preparato...brava !

    RispondiElimina
  12. cos'è???mhm...
    Cmq la ricetta mi piace e mi piace anche molto come hai fatto le strisce sopra!!

    RispondiElimina
  13. Prima!!!
    Lasciamo perdere l'indovinello relativo all'oggetto misterioso..potrei stare lì anche 30' e non capire cos'è..ma ho capito benissimo che questa crostata è favolosa .
    Anche io acquisto sempre delle coste come quelle che hai usato e hpo pura l'attrezzo per la griglia ma quando l'adopero i risultati non sono soddisfacenti come quello che hai ottenuto tu..devo riprovare!!
    Un bacione and compliments

    RispondiElimina
  14. ciao carissima Carla, ti restituisco con grande piacere la visita, il tuo blog mi piace e adoro la pasta briseé, io la faccio, la prossima volta proverò la tua, sono appassionata di torte rustiche e questa mi piace...posso dirti una cosa senza che tu ti offenda? non buttare le coste delle bietole (la verdura che hai usato è la bietola a coste larghe) ecco quella è molto usata in Toscana, si usa per l'acqua cotta (che posto domani mattina) si fa impanata e fritta, o lessata e poi in umido, è una delle cose più buone che esistano...scusa ma sono così difficili da trovare...un caro saluto

    RispondiElimina
  15. mamma mia, Carla, che bel piatto! Pensare che ho pure già cenato e sono qui a "sbavare"...
    Quel "coso" lì sopra avrei detto che era... una camera d'aria, ma poiché è un regalo di tuo marito mi sa che sbaglio. Dunque mi butto e dico: uno stampo per dolci cilindrici. Ma che? C'ho sempre sta fissa dei dolci in testa...
    Un abbraccio :))

    RispondiElimina
  16. Io è meglio che non mi esprima...posso solo dirti che in farmacia lo vendiamo ogni tanto...:)))))

    RispondiElimina
  17. non puoi capire che fame mi hai fatto venire!!! (ottima l'idea dello zafferano nella brisé, devo provare assolutamente e, se lo farò, sarai informata! :-)
    secondo me quello è un supporto da decorare (tipo che arrotoli attorno nastri, cordini e fai un centro tavola o una decorazione per le porte...)
    no? Daaaaai! dicci cos'è! :-)

    RispondiElimina
  18. che sarà mai quest'oggetto misterioso??? Bohhhh!!! Non capisco! Complimenti per la bellissima torta rustica, buona serata

    RispondiElimina
  19. Per tutte le amiche curiose, nessuna ha indovinato ;)
    l'arcano sarà svelato....mercoledì o giovedì....portate pazienza :)
    A tutte grazie per le belle parole e un bacione

    RispondiElimina
  20. Carla buongiorno!!! Mi devo ricordare di passare da te solo dopo pranzo, sto sbavando sulla tastiera 😄!! Io copio!! A presto cara

    RispondiElimina
  21. Deliziosa la tua torta salata, bellissima la decorazione .Buon pomeriggio Daniela.

    RispondiElimina
  22. Carla deve essere deliziosa!! Mi piace questa ricetta con lo zafferano nella brisè:-) sei stata bravissima!! Ricetta da provare al più presto:-) un abbraccio

    RispondiElimina
  23. Dimenticavo.. non ho idea di ciò che sia l'oggetto in questione:-)

    RispondiElimina

Se passate di qui e volete lasciare un commento,
mi farete cosa mooooolto gradita!!!