venerdì 3 febbraio 2012

Federico e......la numero 8

Il 3 Agosto 1158 Federico I di Svevia, detto il Barbarossa fondò Lodi sul Colle Eghezzone (proprio dietro casa mia) e qui Lodi ha eretto una statua in suo onore.


A me piace, e ieri quando sono uscita per fare un po' di spesa, sono andata a trovare Federico perché volevo fotografarlo innevato ed in effetti così è ancora più bello!!! Sembra che Lui e il suo cavallo siano ricoperti da una pelliccia di ermellino bianco.


Vicino a quel poco che resta delle mura della nostra città, è rivolto verso Milano, dalla quale ci difese 854 anni fa, e sembra quasi dire "Io sono qui non ci provate!!!"


E dopo un po' di storia eccoci alla ricetta di oggi

VELLUTATA DI CASTAGNE CON TIMO E SALSICCIA

Questa vellutata si prepara partendo dalle castagne secche che, a Lodi, in dialetto si chiamano "ciuchin", non so il perché, ma potrei ipotizzare che le facessero rinvenire nel vino!!!

Ingredienti per 2 persone

150 gr di castagne secche "ciuchin"
1 scalogno piccolo
10 gr di burro (meglio se chiarificato)
750 ml di latte fresco (oppure acqua)
timo
sale e pepe
olio extra vergine d'oliva
4 pezzetti di salsiccia

Preparazione

Sciacquare le castagne e metterle in ammollo in acqua tiepida per almeno 10 ore per farle rinvenire, cambiando l'acqua un paio di volte. 


Al primo cambio d'acqua togliere le pellicine aiutandosi con la punta di un coltellino. In una casseruola fondere il burro, unire lo scalogno affettato e lasciar appassire a fiamma bassa per 8 minuti, mescolando e unendo un goccio d'acqua o brodo per evitare che attacchi. Aggiungere le castagne, ben scolate, salare e fare insaporire per qualche minuto.


Coprire con il latte (o se preferite con acqua) e portare a ebollizione, quindi abbassare la fiamma al minimo e cuocere, a recipiente coperto, per un'ora e comunque fino a quando le castagne saranno tenere.


A fine cottura trasferire le castagne (tranne 2) con un po' di latte in un recipiente adatto (io ho usato una brocca) e ridurre in crema con un frullatore ad immersione.


Rimettere nella casseruola con il restante latte mescolare bene e tenere in caldo. In un padellino anti aderente rosolare, senza alcun condimento, i 4 pezzetti di salsiccia. Versare la velluta nelle fondine e decorare con la castagna tenuta in disparte, i 2 pezzetti di salsiccia, qualche rametto di timo, un filo d'olio evo e una generosa macinata di pepe nero.


Era la prima volta che facevo questa vellutata e devo dirvi che a noi è piaciuta moltissimo!!! Ora scappo perché stasera andiamo a cena della Sorella N.1 io porto una pasta al forno (che posterò a giorni) e il dolce, sono o non sono una brava sorella!!!   :-D

P.S. quando torno passo da voi perché oggi proprio non ci sono riuscita :) 

18 commenti:

  1. Voglio essere anch'io tua sorella!!!!!!posso essere la numero......????!!!!!!??????Vabbè...io adoro questa vellutata!!!!bella ed originale come solo Eva sa!!Brava!!!!!e...che ridere Federico con l'ermellino bianco (scherzi, quelli ce le avevano sul serio le pellicce del povero ermellino!!!!!)Bella bella dev'esser Lodi...non ci son mai stata!!Ne approfitterò prima o poi..e lì voglio vedere cosa preparerai per la sorella acquisita n°....????!!!??:-DDDDD Buona serata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wonder saresti la Sorella N.5 come Chanel, bien sûr!!! Federico era spartano al massimo avrà avuto la pelliccia di orso, ma chiedi al tuo Lui visto che viene dalla stessa nazione.....
      bacioni

      Elimina
  2. Ciao carissima. Bellissime le foto di Federico ed il suo cavallo innevati!...Caspita quanta neve. Qui vento polare e freddo fotonico.
    La tua vellutata mi scalderebbe davvero. Un bacione, buon wee.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tinny, grazie!!! Da ieri non nevica più e anche qui è sceso il gelo prima eravamo a -4 ora sembra risalire un po', speriamo!!!Baci e buon we anche a Te

      Elimina
  3. Ma che eleganza il Barbarossa innevato! Mi sembra che ne sia venuta una bella quantità, come te la cavi in giro? Qui neve non ce n'è più ma fa un freddo maiale. Oggi sono uscita che sembravo un orso tanta roba avevo addosso. E in casa è anche peggio. Questa bella vellutata mi ci vorrebbe proprio. Bacio buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carla, ciao si saranno almeno 20/30 cm, ma per fortuna ieri a smesso, ma ora è arrivato il gelo siamo sotto, per fortuna qui in casa si sta bene. Sai che io mentre la facevo non ero molto convita e invece mi è piaciuta tantissimo!!! Il blog mi fa scoprire gusti nuovi!!!
      Bacioni e buon we

      Elimina
  4. Non ho mai provato le castagne in una vellutata, ma sono certa che saranno meravigliose!

    Ciao e buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Artù, grazie!!! Come dicevo è veramente buona!!! Provala, baci e buon we

      Elimina
  5. Che bella coccola questa vellutata in queste giornate di gelo. Buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chicca, grazie!!! Si calda e coccolosa ci vuole proprio con questo gelo!!! Buon we anche a Te, ciao

      Elimina
  6. la vellutata di castagne la trovo molto interessante, a me le castagne piacciono in tutte le maniere, penso che appena troverò quelle secche da mettere a bagno, tornerò a prendere la ricetta :) certo che il Barbarossa innevato ha un fascino..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinzia, se ti piacciono le castagne adorerai questa vellutata. Credo che, se non trovi quelle secche, puoi provare a farla con quelle che si trovano lessate e sottovuoto. Bello vero il mio amico Federico in pelliccia!!!
      Buon we

      Elimina
  7. buona questa vellutata!deliziosissima!buon sabato ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tina, grazie!!! Buona domenica, baci

      Elimina
  8. meraviglia delle meraviglie!
    P.s. abbiamo la caraffa uguale :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Batù, grazie!!! Io te e qualche milione di svedesi!!! baci e buona domenica

      Elimina
  9. Ciao Carla! Che bella la foto del Barbarossa .... nonostante frequenti Lodi dai tempi delle scuole non ricordo questa statua .... dalle foto sembra vicino a Piazza Castello?? bhò sono una totale ignorante in merito ... Complimenti invece a te per la tua nota storica!
    Questa vellutata è molto chic e raffinata e la foto in quel piatto è splendida!
    da copiare asap!!
    baci
    Tania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tania, la statua di Federico è recente (inaugurata nel 2009) e si trova vicino al tribunale, in effetti non molto lontano da piazza Castello. La vellutata mi ha veramente sorpreso e se trovo ancora le castagne secche la devo rifare asap per gli amici!!! Bacioni

      Elimina

Se passate di qui e volete lasciare un commento,
mi farete cosa mooooolto gradita!!!